"È possibile Hacherare il cervello?" la visione della scienza.

Possiamo controllare le nostre azioni e i nostri pensieri ed è ciò che ci caratterizza, ma con la biologia che inizia a combinarsi con la tecnologia la domanda sorge spontanea.

Il nostro cervello può essere hackerato? La verità è che il nostro cervello è una sorta di dispositivo elettrico e come tale può essere interfacciato con altri apparecchi elettronici. Infatti centinaia di migliaia di persone stanno già sfruttando questa peculiarità con l'utilizzo di un impianto cocleare, cioé un apparecchio acustico che replica e invia il suono al cervello attraverso impulsi elettrici, ma l'elettricità non è così precisa e per questo motivo il segnale tende a sprigionarsi e diffondersi a molti neuroni nel cervello rendendo, nel caso dell' udito, il segnale confuso e distorto.


Per risolvere questo problema I ricercatori hanno trovato un metodo per impiegare la luce, molto piú precisa. É possibile indirizzarla in un punto preciso e stimolare la parte desiderata del cervello . È questa luce che può essere la chiave per un controllo mirato del cervello ma come prima cosa bisogna fare in modo che queste cellule si attivino con un segnale luminoso in input .



Hacherare la mente


Per quanto folle possa sembrare è stato utilizzato un virus innocuo, cioé che non si riproduce, per introdurre alcuni geni nei neuroni o nelle cellule cerebrali desiderate. Questi geni sono stati prelevati da altri organismi che sfruttano la luce solare per sopravvivere come ad esempio le alghe: sorprendentemente abbiamo i loro stessi meccanismi genetici e cellulari e così il DNA prelevato da un organismo e inserito nell'altro,funziona ancora.


Questi geni codificanti per proteine, consentono ai neuroni o alle cellule cerebrali di agire come un pannello solare; di conseguenza reagiscono alla luce in ingresso e la convertono in un segnale elettrico e al contempo le cellule, senza un nuovo DNA rimangono non reattive. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno ora è una fonte di luce per attivare questi neuroni.

Se creassimo un congegno simile e lo collegassimo al sistema di ricompensa del cervello, potremmo rendere felice qualcuno ,semplicemente premendo un bottone. Collegato alla corteccia motoria potremmo controllare parti del movimento e questo è esattamente ciò che gli scienziati hanno fatto collegando dei cavi al cervello di un topolino di laboratorio nella zona della corteccia motoria che controlla il movimento. Non appena la luce colpisce le sue cellule solari, non può fare a meno di correre a sinistra: i suoi pensieri e le sue azioni sono state manipolate!



Quindi cosa succede quando la tecnologia entra nel nostro cervello?

Se è vero che da un lato può aiutare a controllare malattie fisicamente debilitanti o disturbi della personalità e persino la depressione: attiviamo e disattiviamo le cellule necessarie e...et voila'!

Potremmo anche essere in grado di integrare questa tecnologia per migliorare le nostre capacità o addirittura a giocare ai videogiochi nella nostra mente e non appena inizieremo a comprendere la complessità del nostro cervello come ad esempio capire quali regioni controllano determinate azioni o pensieri la tecnologia acquisirà ancora più importanza , ma le preoccupazioni e i dubbi etici rischia si nascondono dietro l'angolo. Quindi sapendo che il tuo cervello potrebbe essere in futuro manipolato o hackerato vorresti davvero questa tecnologia nel tuo cervello ?


Roberto Deidda Damus

Copyright © 2013 - 2020 Accademia di Ipnomentalismo di Roberto Deidda - PI. 01427990914 - via Montopoli,31 - Roma  info@accademiadiipnomentalismo.it

Privacy Policy

Cookie Policy